venerdì 11 giugno 2010

Nasce Query On Line!


Si completa oggi la nuova rivista del CICAP: nasce Queryonline.it! 
Dopo l'uscita, un mese fa, del primo numero di "Query", il nuovo periodico del CICAP, prende oggi il via il suo complemento naturale:Queryonline.it. «Poiché la rivista esce ogni tre mesi» dice Beatrice Mautino, curatrice di Queryonline.it, «ci sembrava importante aprire un canale che potesse rappresentare sia un osservatorio aggiornato sulle notizie che da sempre interessano il CICAP, sia un punto di riferimento e ritrovo quotidiano per tutti coloro che seguono l'attività del Comitato e non possono accontentarsi di seguirci solo sulla rivista». 

In questi ultimi anni i blog della famiglia del CICAP e dei suoi molti amici sono diventati sempre più delle vere e proprie fonti di informazione critica sui fenomeni misteriosi e sulle pseudoscienze. L'obiettivo che Queryonline.it si pone è quello di aggregare queste punti di riferimento contribuendo a consolidare una rete che si è formata nel tempo e che si sta allargando sempre più. 

Queryonline.it è strutturata come una webmagazine, con una serie di argomenti principali in evidenza, divisi per rubriche e continuamente aggiornati, e poi spazio a interviste video, alle discussioni con i lettori e ai blog personali dei collaboratori di Query. 

Come per la versione cartacea, dunque, anche Queryonline.it fa divulgazione scientifica con un taglio diverso dal solito: invece di partire dal racconto di ciò che si conosce in un certo ambito scientifico, punta sull'indagine scientifica dei misteri, veri o falsi che siano. 

Veniteci a trovare su www.queryonline.it: vi aspettiamo!

2 commenti:

Ieromod ha detto...

Grazie, Claudio! .. Ci faccio un giretto!
Salut!

theDRaKKaR ha detto...

ho letto i due articolo on-line sul cambiamento climatico, giacché mi diletto di meteorologia e climatologia e devo dire che il primo di Jordan l'ho trovato interessante anche se un po' americocentrico e il secondo, Caos Climatico, della redazione, un buon punto di partenza

infine ho letto l'articolo sul santone indiano, che riporta esclusivamente le opinioni dell'IRA e quindi abbastanza ridotto

diciamo che non conoscendo la versione cartacea, questa on-line mi sembra veramente troppo succinta!

ma comunque, magari ce ne fossero di tali siti ;-)